AREA COMICS

Nell'Area Comics di Casale Comics&Games troverete un sacco di cose: fumetti, fumetti, fumetti e ancora, indovinate un po', fumetti!
Qui potrete non solo accaparrarvi le ultime novità, ma anche incontrare i vostri artisti preferiti, partecipare ai workshop e magari anche competere con altri aspiranti disegnatori in uno dei nostri ricchissimi contest! In alternativa potete partecipare agli eventi che precedono la fiera: Drink&Draw!


Locandina CCG 2019 cartoline provv.jpg

LA LOCANDINA

La locandina di Casale Comics&games è stata realizzata da Max Ferrigno!

Max Ferrigno è nato a Casale Monferrato il 14 Novembre 1977.

Comincia a lavorare come decoratore subito dopo aver conseguito l diploma artistico, riuscendo così a manternere un forte legame con l’arte. Nel suo piccolo laboratorio artistico, per tredici anni, dà forma alle fantasie dei suoi sempre più numerosi clienti. Disegna trompe – l’oeil per negozi e appartamenti, fondali per le agenzie teatrali, realizza scenografie per Gardaland, Eurodisney, MiniItalia, Cow Boy Guest. Viaggia moltissimo.

Parallelamente prende forma la prima parte del suo percorso artistico: una lunga serie di lavori dedicati al Messico, all’Africa e al Sud America, incentrati sul “burro”, l’asino simbolo della speranza di rinnovamento del panorama sociale, culturale e storico del mondo.

Ma è nel 2005 che la sua sensibilità artistica subisce una forte scossa, talmente forte da definire tutto ciò che aveva creato fino a quel momento “passato”. Riprende a guardare i vecchi cartoni animati giapponesi, ad ascoltare le sigle tv.

Improvvisamente gli echi della memoria infantile diventano la sorgente di un’esplosione di idee e di progetti.

Inizia così la fase “popsurrealista” di Max Ferrigno, dove i personaggi dei cartoni animati, le merendine ed i giochi di una generazione diventano “attori attivi” nelle sue opere in un tripudio di colori accesi, intensi e dissonanti. Un linguaggio che sembra destinato ai bambini ma che in realtà è rivolto agli adulti. Ciò che colpisce, infatti, è la forza espressiva che trapela dalle sue tele: emozioni, stadi d’animo, profumi e sapori.

Nel novembre del 2010 espone la sua prima importante collezione a Milano “Les Sucreries”, un successo che richiama l’attenzione di molti critici e appassionati di popsurrealismo.